XX EDIZIONE DI MESSER TULIPANO

APERTO TUTTI I GIORNI fino al 1° MAGGIO 2019

COMPRESE LE GIORNATE DI PASQUA, PASQUETTA, 25 APRILE

PER IL PROGRAMMA DI QUESTA SETTIMANA CLICCA QUI

locandinaMT2019-

Apertura: tutti i giorni dal 30 marzo al 1 maggio 2019

Orario: lunedì/venerdì 10-18, sabato/domenica/festivi 10-19

Ingresso:  € 9,00 intero / € 7,00 gruppi prenotati e convenzioni / € 5,00 bambini da 4 a 12 anni / gratuito fino a 4 anni

La prenotazione della visita è richiesta soltanto per i gruppi di almeno 15 persone.

Per informazioni: Tel. 011 884870 / 011 8140981  (nelle giornate di sabato, domeniche e festivi – comprese Pasqua, Pasquetta, 25 Aprile e 1° Maggio Tel. 011 9481117) – info@castellodipralormo.com

Il grande evento botanico nel parco del Castello di Pralormo annuncia ogni anno la primavera con la straordinaria fioritura di migliaia di tulipani e narcisi. Il piantamento è sempre rinnovato nelle varietà e nel progetto-colore, ed ospita tante varietà curiose. La manifestazione coinvolge tutto il parco, progettato nel XIX secolo dall’architetto di corte Xavier Kurten, artefice dei più importanti giardini delle residenze sabaude. Nei grandi prati sono state create aiuole dalle forme morbide e sinuose, progettate ponendo particolare attenzione a non alterare l’impianto storico e prospettico. Le aiuole dunque “serpeggiano” tra gli alberi secolari, mentre nel sottobosco occhieggiano ciuffi di muscari, di narcisi e di giacinti.

LE FIORITURE DEL VENTENNALE DI MESSER TULIPANO

Per festeggiare il ventesimo anno Messer Tulipano fa fiorire il parco con 100.000 TULIPANI.

Fra le varietà più particolari selezionate e introdotte quest’anno: il gruppo dei Viridiflora, caratterizzati da petali a tinta unita rosa, rossi o bianchi con una fiammatura di colore verde, come se le foglie proseguissero sui petali; il tulipano nero Queen of night, protagonista di racconti incredibili, che eveca sempre fascino e mistero; il tulipano Mata Hari, bianco screziato di rosa alto quasi 70 centimetri; il tulipano Pink impression, molto alto con grandi foglie e con un calice rosa all’esterno e rosso all’interno; il tulipano Shirley, che sboccia color avorio poi si tinge di color violetto sul bordo dei petali e infine diventa completamente viola. Inoltre alcuni tulipani che hanno il nome di compositori – Bach, Verdi, Chopin, Puccini, Mozart – sono ambientati in un viale le cui musiche in sottofondo allietano la passeggiata dei visitatori.

 

ORIGINE DEL TULIPANO IN TURCHIA: particolare risalto è naturalmente dato all’incredibile storia del tulipano che, originario dell’Asia centrale, divenne fiore amatissimo nel XV secolo in Turchia, tanto da diventare emblema della Dinastia Ottomana; “era del tulipano” fu infatti il fortunato periodo dell’Impero Ottomano caratterizzato da ricchezza e benessere. Per i turchi il tulipano era un talismano contro la cattiva sorte e veniva rappresentato su tessuti, ceramiche, gioielli ed era il protagonista delle fastose feste dei sultani.
Ad illustrare la storia del tulipano, nel parco un arco in stile turco con decorazioni tratte dal Palazzo di Topkapi ad Istanbul introduce al “viale dei Sultani”, con varietà botaniche che testimoniano i primi tulipani presenti in Turchia fin dal XV secolo. Tra le varietà presenti: tulipani Saxatilis, Sylvestris, Oculis Solis, a cui sono affinancati tulipani con petali a punta denominati Fiori di Giglio, come i Ballerina, i Gavota e gli Elegant Lilies.

LA TULIPOMANIA IN OLANDA: a metà del XVI secolo grazie a Ogier Ghislain de Busbecq, ambasciatore di Re Ferdinando I presso la corte di Solimano il Magnifico, il tulipano arrivò in Europa. In Olanda la straordinaria bellezza di questi fiori provocò la “tulipomania” o “febbre dei tulipani”, una vera e propria follia che fece crescere smisuratamente il valore dei bulbi, che arrivarono a valere come un palazzo. Questa passione per il tulipano, raggiunto l’apice, iniziò poi ad incrinarsi causando nel 1637 il primo drammatico crollo della borsa di cui si abbia memoria e che ancora oggi sovente viene citato dai giornali economici.
Un “giardino di ispirazione olandese” è allestito con muscari blu, tulipani bianchi con screziature rosa e giacinti. A completare il tutto tulipaniere di porcellana bianca e blu che ricordano le famose porcellane olandesi Delft.

Infine LO STUDIO DEL DOTTOR TULP: un salotto dedicato all’illustre medico Nicolaes Pierszn, ritratto da Rembrandt nel famoso quadro “La lezione di anatomia del dottor Nicolas Tulp” nel 1632, che dovendo scegliere il simbolo per il proprio blasone, optò per il tulipano, fiore per cui aveva una vera passione, e Tulp divenne il suo nome di famiglia.

“I VIAGGI DEI CACCIATORI DI PIANTE”

Per questa edizione, partendo dalla biblioteca antica del Castello di Pralormo che custodisce libri rari anche di botanica e di viaggio, atlanti e mappamondi, si è pensato di proporre un argomento molto particolare: “CACCIA AL TESORO VERDE: i viaggi dei cacciatori di piante”, appassionati ed avventurosi botanici che affrontarono viaggi lunghi e difficoltosi, pericoli inimmaginabili alla ricerca di specie botaniche sconosciute.

Accanto ai libri della biblioteca del Castello, selezionati dagli studiosi di botanica Maria Teresa Della Beffa, Laura Guglielmone, Liliana Quaranta e Davide Pacifico con l’Associazione Amici del Giardino Botanico Rea ed esposti per la prima volta al pubblico, esemplari di alcune delle varietà di piante portate in Europa tra il XVI e il XIX secolo, ma anche allestimenti e suggestioni su equipaggiamenti, modi di viaggiare, tecniche di trasporto dei cacciatori di piante con esposizione anche di alcuni attrezzi nautici e modelli di velieri antichi del Museo Civico Navale di Carmagnola che rievocano i viaggi avventurosi delle navi delle Compagnie delle Indie inglesi, olandesi, francesi.

I bellissimi dipinti del pittore-viaggiatore Stefano Faravelli arricchiscono l’esposizione e raccontano un mondo lontano, meraviglioso e fantastico di cui al visitatore sembra di poter sentire anche voci, suoni e profumi.

In un salottino è ricostruita una farmacia allestita in collaborazione con Aboca e Zuma a cura di Federfarma e Ordine dei Farmacisti della provincia di Torino dedicata alle piante medicinali, alle loro caratteristiche e all’iconografia ad esse legate, con l’esposizione di strumentazioni, contenitori e oggetti di ieri e di oggi.

Un altro allestimento è invece dedicato alle spezie, al loro immenso valore commerciale e le rotte più brevi per farle arrivare in Europa.

La cappella settecentesca documenta attraverso acquerelli e racconti i viaggi di sacerdoti e abati appassionati di botanica, tra cui i valdostani Pierre Chanoux e Joseph-Marie Henry.

Nella serra francese, arrivata da Parigi nel 1896, varietà curiose di orchidee insieme a una collezione di piante carnivore del Giardino Botanico Rea che ben rappresentano quelle trovate e trasportate in Europa dai cacciatori di piante.

 

Inoltre:

“UNA PEONIA ARRIVATA DALLA CINA”: peonie e hosta in collezione dei Vivai delle Commande.

“ESPLORATORI ED ESCURSIONISTI OGGI”: le tende di Ferrino sospese sugli alberi, immerse nella natura, testimoniano il desiderio di pace, l’amore per l’avventura e l’esplorazione oggi.

“FRUTTA E VERDURA GIUNTA DA MOLTO LONTANO”: New Holland presenta uno dei suoi innovativi mezzi agricoli che trasporta un carro di frutta esotica a cura di Ortofrutta Poirino.

“UN FESTOSO AUGURIO FLOREALE” per i vent’anni di Messer Tulipano realizzato dall’Istituto di Istruzione Superiore “Baldessano-Roccati” di Carmagnola con il coordinamente del Professor Costantino Ciccone e con la collaborazione del Servizio Verde Pubblico Della Città Di Torino.

“OGNI GOCCIA CONTA”: Acqua San Bernardo presenta una straordinaria torta di fiori.

MESSER TULIPANO PER GLI AMICI A 4 ZAMPE
Gli amici a quattro zampe sono i benvenuti per passeggiare nel parco e per scoprire l’interno del castello sono a disposizione comodi trasportini Bama Pet da utilizzare durante la visita.
Oltre alle ciotole di acqua fresca che, da sempre, Messer Tulipano mette a disposizione, quest’anno, grazie alla collaborazione con Bama Pet e Monge, gli amici a quattro zampe possono approfittare di veri e propri Dog Bar con crocchette Monge di alta qualità, adatte alle esigenze nutrizionali dei cani di qualsiasi razza, concedersi un momento di relax in un accogliente spazio allestito con arredi Bama Pet e un Dog Camping con tende small, medium e large e attrezzature per cani campeggiatori a cura di Monge.

La manifestazione propone inoltre eventi e intrattenimenti per grandi e piccoli, ma anche un’apprezzata zona shopping con eccellenze del territorio, prodotti stagionali dei produttori agricoli, mieli e marmellate artigianali, delizie gastronomiche, vini doc, cosmetici naturali, tessuti e articoli per la casa e poi piante, fiori e prodotti per rinnovare il giardino o il terrazzo.

Per permettere ad ognuno di trascorrere una divertente e serena giornata all’aperto con tutta la famiglia, il parco offre panchine per riposarsi e fare picnic e una caffetteria ristorante.

MESSER TULIPANO quest’anno ospita Agroinnova nell’ambito del Festival Plant Health 2020 – International Year of Plant Health per l’Anno Internazionale della Salute delle Piante.

Per maggiori informazioni sull’edizione 2019 CLICCA QUI

 

cartello-programma-20-23.04.19

Inoltre fino a domenica 21 aprile tutti i visitatori di nome Leonardo entrano gratuitamente a Messer Tulipano!

Apertura: tutti i giorni dal 30 marzo al 1 maggio 2019

Orario: lunedì/venerdì 10-18, sabato/domenica/festivi 10-19

Ingresso:  € 9,00 intero / € 7,00 gruppi prenotati e convenzioni / € 5,00 bambini da 4 a 12 anni / gratuito fino a 4 anni

N.B. per chi desiderasse raggiungere Pralormo in bus da Torino si segnala la possibilità di usufruire di un servizio NAVETTA tutte le domeniche (info e prenotazioni: Incoming Lab Travel 011 8128898 – incoming@labtravel.it – www.incominglabtravel.it)

In occasione di MESSER TULIPANO inaugura anche la nuova stagione di APERTURE AL PUBBLICO DEL CASTELLO che propone due diversi itinerari, dedicati rispettivamente alla vita quotidiana in un’antica dimora tra cantine, cucine e camere da pranzo con tavole imbandite con straordinarie porcellane e argenti, ricette, attrezzature e aneddoti, e ad un plastico ottocentesco sul quale corrono trenini d’epoca in miniatura, attraversando gallerie scavate nei muri, stazioni, paesaggi e scali merci.

Per info: Tel. 011 884870 / 011 8140981  – info@castellodipralormo.com

Proprio lungo il muro di cinta del Castello si affacciano “Le case della giardiniera”, appartamenti che un tempo erano abitati dalle persone che lavoravano per il Castello e che oggi sono stati trasformati in 5 “rural suites” dove è possibile soggiornare in un’atmosfera evocativa e molto suggestiva.
“Le case della giardiniera” hanno ottenuto per il secondo anno consecutivo il riconoscimento “GUEST REVIEW AWARDS” da parte di Booking.com

Per maggiori informazioni:
www.lecasedellagiardiniera.it – info@lecasedellagiardiniera.it – Tel. 011 8140981

PROSSIME INIZIATIVE AL CASTELLO DI PRALORMO

Domenica 9 giugno 2019 

CdP_2019-06-09_Una-domenica-fuori-dal-tempo_Locandina

Domenica 29 settembre 2019

Microsoft Word - CIRCOLARE ARISTOPULCI – 29 SETTEMBRE 2019.doc

photogallery530x135
visite-al-castello
messer-tulipano
programmi-scuole
il-trenino-del-conte
ospitalita
eventi-e-matrimoni

IL CASTELLO FA PARTE DI:

dimore-storiche-italiane-vacanze-weekend-location-matrimoni-eventi-viaggi
giardini_italiani_logo-150x150